Ti trovi in: ROSMINIANA / News

NOTE SU ROSMINI E IL FORMALISMO GIURIDICO

ROSMINIANA, 29-10-2019
Legge, coscienza e libertà - XX Corso dei Simposi Rosminiani 2019 - Prof. Paolo Pagani
Il confronto tra Rosmini e il formalismo giuridico. Mediante un’incursione barbarica si vuole evidenziare un ambito ancora poco esplorato. Il risultato è un modo indiretto di entrare nella filosofia del diritto del Roveretano, non in modo impertinente. Attraverso il formalismo teorizzato da Hans Kelsen, che si pone in contraddizione a Rosmini, si ricostruisce punto per punto il valore del pensiero di quest’ultimo. Il ventesimo corso dei Simposi Rosminiani, dal titolo Legge, Coscienza e Libertà, si propone così di offrire un contributo alla riaffermazione di alcuni valori interiori che rischiano di finire in un cono d’ombra.

LETTURA ODIERNA DEL ROSMINIANO “RISENTIMENTO GIURIDICO”

ROSMINIANA, 29-10-2019
Legge, coscienza e libertà - XX Corso dei Simposi Rosminiani 2019 - Padre Umberto Muratore
Il pensiero di Rosmini può aiutare a comprendere il fenomeno generale del malcontento popolare che va lievitando a livello individuale e a livello civile? Si tratta di un disagio che viene declinato in termini di populismo e sovranismo e che mescola insieme frenesia e rabbia. Si vuole rileggere questo fenomeno alla luce del “risentimento giuridico” di cui Rosmini tratta, in modo particolare, nella Filosofia del Diritto.

ROSMINI: UNA RINNOVATA INTEGRAZIONE DEL FILOSOFICO NEL TEOLOGICO

ROSMINIANESIMO TEOLOGICO, 17-09-2019
VIDEOCONVEGNO: “L’uomo e la rivelazione del Dio unico” (Relazione del Prof. Alberto Peratoner)
Rosmini avvertì con urgenza, al suo tempo, la necessità di una rinnovata integrazione del filosofico nel teologico. Un bisogno che divenne così una missione: quella di ricostruire una ragione di continuità e di solidalità della razionalità filosofica con il sapere teologico, o più in generale, con i saperi della fede e la cultura cristiana in senso esteso a fronte della dissociazione prodotta nell’età moderna. Alla luce di questa portante preoccupazione, Rosmini pone in atto un profondo disegno di rinnovamento e di reintegrazione.

NOI E GLI ALTRI. TRA EMPATIA ED AGGRESSIVITA’

PRINIANA, 22-08-2019
3° Convegno “Pietro Prini” - Stresa, Collegio Rosmini - 8 Giugno 2019
Le scoperte recenti nel campo delle neuroscienze hanno aperto nuove prospettive di analisi nelle dinamiche dei rapporti tra soggetti. Gli studi sull’empatia, in particolare, hanno dischiuso nuovi orizzonti sul ruolo del cervello nell’influenzare i rapporti interpersonali. In questo ambito, rilevanti sono i nuovi strumenti di comunicazione, si pensi ai “social”, che hanno radicalmente modificato le dinamiche delle relazioni facendo emergere inedite manifestazioni di aggressività. 

ESSERE INFINITO E UNIVOCITÀ DELL'ESSERE

QUAESTIO DEI, 30-07-2019
Nella metafisica di Giovanni Duns Scoto (Videocorso tenuto dal Prof. Alessandro Ghisalberti)
La formazione del concetto univoco di ente per Duns Scoto pone l’interrogativo sul come si forma il concetto di infinito: viene perciò presentata la teoria scotiana della coestensione di finito e infinito per comprendere la totalità dell’essere.

LIBERTA’ E RAGIONE OGGI

ROSMINIANA, 27-06-2019
I riflessi del pensiero di Rosmini nella contemporaneità - Convegno Internazionale - Napoli 30 Novembre 2018
Esiste un’esigenza nel vivere la libertà? Quale il significato di “libertà”? Essa è essenziale per la realizzazione dell’uomo o è priorità a cui sacrificare anche la propria persona? Oggi sempre più queste domande si situano ad un livello radicale. Sotto altri aspetti la domanda si può ulteriormente riformulare: “Può l’uomo tendere alla felicità grazie ad essa o, anzi, deve esigere il sacrificio di sé fino all’autolesionismo”? Antonio Rosmini fermando l’attenzione sull’uomo concreto e l’analisi antropologica dei suoi principi che lo rendono propriamente “persona”, sfugge alla tentazione moderna del razionalismo astratto proponendo riflessioni sull’individuo e la libertà che ad oggi mantengono la loro validità.

LE RIPERCUSSIONI PRATICHE DELL'ARGOMENTO ONTOLOGICO LAVIANO

STUDI LAVIANI, 29-05-2019
Implicazioni etiche, sociali e giuridiche (Videocorso tenuto dal Dr. Luca Vettorello)
In che modo un ragionamento squisitamente teoretico, quale è l'argomento ontologico, può avere delle implicazioni pratiche nel vissuto esistenziale quotidiano? Vincenzo La Via ha proposto una formulazione rigorizzata dell'argomento ontologico di Rosmini, delineandone il suo ruolo fondamentale all'interno di un contesto più ampio: nel sistema da lui costruito, infatti, l'argomento ontologico diventa la chiave di volta di un edificio che, partendo dalla dimensione metafisica, coinvolge anche la dimensione pratica, in tutti i suoi molteplici aspetti etici, morali, sociali e giuridici.

APPETITO DEL BENE E LEGGE NATURALE: NOTE TRA TOMMASO E ROSMINI

ROSMINIANESIMO TEOLOGICO, 29-04-2019
VIDEOCONVEGNO: “L’uomo e la rivelazione del Dio unico” (Relazione del Dr. Damiano Simoncelli)
È cosa nota a chi abbia familiarità con gli scritti del Roveretano la profonda stima che egli nutriva nei confronti del pensiero di Tommaso d'Aquino. L’intervento si propone di abbozzare un confronto tra Tommaso e Rosmini sul tema della legge naturale, per verificare se, aldilà dei differenti contesti, vi sia una convergenza tra i due Autori in merito alla sostanza e al ruolo di ciò che si intende per "legge naturale".

LE PROSE LIRICHE: QUESTIONI METODOLOGICHE

REBORIANA, 29-04-2019
Intervista della Dott.ssa Elisa Manni al Prof. Paolo Giovannetti
Qual è la relazione fra Clemente Rebora e la tradizione della poesia in prosa italiana (e non solo) di inizio Novecento? L’intervista al Prof. Giovannetti risponde a questa domanda e mette in rilievo alcuni aspetti interpretativi proposti dallo studioso nel suo saggio “Le prose liriche: questioni metodologiche” contenuto nel volume collettaneo Fuori dall’ombra. Voci su Clemente Rebora (Mimesis 2018).

I “CANTI ANONIMI” NEL CAMMINO DI CLEMENTE REBORA

REBORIANA, 29-04-2019
Intervista della Dott.ssa Elisa Manni al Prof. Gianni Mussini
Sono tre le questioni che hanno spinto a scegliere proprio i “Canti anonimi” come oggetto della sua trattazione. Nell’intervista il Prof. Mussini spiega i motivi e si sofferma su alcuni aspetti interpretativi esposti nel suo saggio I “Canti anonimi” nel cammino di Clemente Rebora contenuto nel volume collettaneo Fuori dall’ombra. Voci su Clemente Rebora (Mimesis 2018).
ENTE DI RICERCA
riconosciuto dal MIUR
con data 01/09/2016
Re: #10309268
Curricula studiorum dei
Docenti e dei Relatori.
Registrati alla newsletter potrai ricevere le news relative alle aree tematiche di tuo interesse.