Ti trovi in: HOME / News

ATTUALITÀ DEL PENSIERO POLITICO DI ROSMINI

ROSMINIANA, 26-05-2014
Tra crisi delle istituzioni politiche e della rappresentanza (Dibattito tra il Prof. Markus Krienke e il Prof. Francesco Petrillo)
I complessi aspetti del pensiero politico rosminiano in riferimento al rapporto tra rappresentanza politica e tribunale politico, da un lato, e quello tra società civile e stato moderno, dall’altro. Il dibattito tra il Prof. Markus Krienke e il Prof. Francesco Petrillo è occasione per oltrepassare i paradigmi dell’interpretazione novecentesca e per inserire le riflessioni di Rosmini nelle problematiche attuali.

THOMAS AQUINAS ON HAPPINESS

TOMISMO ANALITICO, 03-04-2014
A video course by Prof. Sir Anthony Kenny (Istituto di Studi Filosofici Lugano)
The great moral systems of Western philosophy may be divided into two classes. There are those whose key concept is that of happiness, and there are those whose key concept is that of obligation.
Systems of the first type may focus on the happiness of the individual (Aristotle) or on the happiness of the greatest number (Bentham). Systems of the second type may derive obligation from a divine law (Judaism) or may derive duty from a human legislative community (Kant).

LA RAGIONEVOLEZZA DELLE CREDENZE RELIGIOSE

TOMISMO ANALITICO, 25-03-2014
Un percorso sulle orme di Tommaso e Wittgenstein (Videocorso tenuto dal Prof. Marco Damonte)
L’attenzione a Wittgenstein, la riscoperta di Tommaso e una nuova sensibilità per le questioni religiose hanno danno origine, nell’ambito della filosofia analitica, a una teologia naturale tomistico-wittgensteiniana. L’interesse per questo filone di studi è dovuto all’originale proposta interpretativa con cui i due autori di riferimento vengono letti, non senza qualche provocazione. Ancor più meritevoli di attenzione sono le domande a cui esso cerca di rispondere: qual è il valore delle credenze religiose? È importante analizzare le affermazioni religiose da un punto di vista filosofico? Per quale ragione?

"PENSARE ASSOLUTO" TRA TOMMASO D'AQUINO E ANTONIO ROSMINI

ROSMINIANA, 25-02-2014
Dialogo tra il Prof. Giuseppe Barzaghi e il Prof. Markus Krienke - VIII Cenacolo Filosofico – Gazzada (Va) 9 novembre 2013
Il “pensare assoluto” è l’esigenza speculativa che deriva dall’intuizione centrale del pensiero di Tommaso d’Aquino, ossia l’actus essendi che oltrepassa la dimensione concettuale dell’intelletto. Nell’idea dell’essere di Rosmini si apre una nuova possibilità metafisica non esaurita da Hegel o Gentile. La stessa interpretazione tommasiana la troviamo negli scritti di Giuseppe Barzaghi che risponde ad alcune questioni sistematiche rivoltegli a partire dal pensiero rosminiano.

PRINCIPI GIURIDICI FONDAMENTALI E DIRITTI UMANI

ROSMINIANA, 12-12-2013
Dibattito sul libro di Francesco Petrillo: “La lezione di Antonio Rosmini-Serbati”
Un giurista legge la “Filosofia del diritto” di Rosmini nell’ottica della teoria giuridica e della filosofia del diritto contemporanea, in un’ottica di recupero dell’attualismo giuridico di Gentile. Mentre la prospettiva rosminiana supera l’incentrazione gentiliana allo stato, la prospettiva attualistica recupera l’autenticità e la teoreticità del momento giuridico in Rosmini. Il dibattito tra il Prof. Francesco Petrillo e il Prof. Markus Krienke verte sulle possibilità e sui limiti di questa interpretazione innovativa.

ROSMINI E LO STATO

ROSMINIANA, 12-12-2013
Dibattito tra il Prof. Markus Krienke e il Prof. Francesco Petrillo
Un tema attualmente poco considerato dagli studi rosminiani, che sottolineano piuttosto il liberalismo del Roveretano. In Rosmini possiamo invece trovare un’autentica teoria dello Stato, sempre nei limiti dell’antiperfettismo e della teodicea sociale: insieme alla teoria della società civile si lasciano individuare i temi incentrati sui concetti di bene comune, di appagamento e di giustizia sociale.

DIRITTO E GIUSTIZIA NELLA FILOSOFIA PRATICA ROSMINIANA

ROSMINIANA, 06-11-2013
Teodicea politica o giustificazione della decisione giuridica? (Videocorso tenuto dal Prof. Francesco Petrillo)
L’obiettivo delle tre lezioni del videocorso è il riscontro, sui testi rosminiani, di una visione giuridica, interna alla filosofia pratica di Antonio Rosmini, che si rivela non solo moderna, ma post-moderna, se riesaminata a partire dalle fonti cui essa attinge: gli studi politico e giuridici della cultura greco-latina e medievale, nonché i contenuti di queste ultime ancora presenti nel pensiero europeo della modernità.

UMANESIMO ITALIANO

ROSMINIANA, 28-08-2013
Rocco Montano interprete di un’altra modernità (Videocorso tenuto dal Prof. Markus Krienke)
In pochi saggi Rocco Montano (1913-1999) ci presenta un’interpretazione di Rosmini alternativa ai soliti paradigmi, accostando il suo pensiero ai “realismi” di Merleau-Ponty e di Vico. Se in questo modo, il pensatore di Stigliano riesce a chiarire bene l’alternatività rosminiana ai paradigmi immanentistici della modernità, pone il Roveretano in un contrasto sicuramente troppo accentuato rispetto al pensiero “d’oltralpe”. Per la ricerca della “IV fase”, la lettura di Montano offre importanti impulsi nell’intento di superare i paradigmi angusti non solo della “III fase”, ma anche di una storiografia letteraria e filosofica impostasi nel XX secolo.

INTRODUZIONE ALLA CRITICA DELLA RAGION PURA

ROSMINIANA, 11-07-2013
Le articolazioni del criticismo kantiano nelle loro relazioni (Videocorso tenuto dal Prof. Luca Ferrara)
“La Critica della ragion pura" è una delle opere più complesse del pensiero moderno; per tale ragione il videocorso si pone l’obiettivo di offrire un’introduzione delle articolazioni principali di quest’opera senza semplificare i temi del criticismo kantiano in comodi schemi precostituiti.

LA COSCIENZA IN ROSMINI E NEL DIBATTITO ATTUALE

ROSMINIANA, 16-01-2013
L’altra metafisica e il recupero della “libertà positiva” oltre Kant ed Hegel - VI Cenacolo Filosofico - Varese 23-25 novembre 2012
La IV fase degli studi rosminiani offre il suo omaggio alla pubblicazione del “Trattato della coscienza morale” di Rosmini come 25° volume dell’Edizione critica. Tutt’altro che uno scritto occasionale, la sua stesura accompagna la pubblicazione delle opere gnoseologiche, morali ed antropologiche degli anni ’30 ed è pensato proprio come alternativa ai trattati di morale allora disponibili. La sua pubblicazione nel 1839/40 doveva segnare l’inizio di quelle polemiche che portarono fino alla condanna del 1888. Un’opera centrale per comprendere il pensiero di Rosmini, la sua alternatività a posizioni tradizionalistiche e la sua capacità di incidere nel dibattito attuale.
ENTE DI RICERCA
riconosciuto dal MIUR
con data 01/09/2016
Re: #10309268
Curricula studiorum dei
Docenti e dei Relatori.
Registrati alla newsletter potrai ricevere le news relative alle aree tematiche di tuo interesse.