ROSMINI DOPO IL “RITORNO DELLA RELIGIONE”. METAFISICA E DEMOCRAZIA

ROSMINIANA, 04-08-2016
VIDEOCONVEGNO: “Metafisica e Democrazia” (Relazione del Prof. Don Fernando Bellelli)
Di fronte alla sfida attuale del “ritorno della religione” s’intende affrontare il problema “democrazia e metafisica” a partire dal duplice plesso tematico: “verità e maggioranza” e “libertà di coscienza ed ethos/legge universale”. L’ermeneutica che s’intende proporre è quella d’interpretare il soggetto a partire dal riconoscimento del principio religioso come elemento costitutivo e fondativo dell’identità del soggetto stesso e, rosminianamente, articolare tale elemento come essenziale a proposito della teoresi relativa alla libertà ontologica del soggetto medesimo.

ROSMINI PER LA NOSTRA EPOCA: ELEMENTI DI RI-GENERAZIONE

ROSMINIANA, 28-01-2015
Cenacolo Rosminiano Emiliano-Romagnolo – Modena 13-14 novembre 2014
Costituire un orizzonte fondativo per un percorso di ricerca ed evidenziare che l’epoca di Rosmini è proprio quella che è in grado di dare consistenza ad un post-umanesimo che sia il nuovo umanesimo cristiano a servizio della nuova evangelizzazione.

PROFEZIA E ATTUALITA’ DI ANTONIO ROSMINI

ROSMINIANA, 05-08-2014
Incontro di studio – Biblioteca Provinciale Cappuccini – Reggio Emilia 26 marzo 2014 (Prof. Giorgio Campanini – Don Fernando Bellelli)
Giorgio Campanini tratteggia, quasi come un parziale testamento culturale, i vari elementi del sapere novecentesco dai quali si è fatto ricorso al contributo di Rosmini, valorizzandolo e comprendendolo come anticipatore e risolutore delle cruciali questioni successive al tempo del Roveretano. Don Fernando Bellelli, unendo rigore teoretico ad un’attenta analisi storico-critico-culturale, fa interagire questi due registri di ricerca focalizzandosi sulla realtà emiliano-romagnola e sulla figura di Giuseppe Dossetti, dalle quali focalizzazioni ricava un percorso coerente, continuo ed aperto, i cui sviluppi storici, ecclesiali, politici e teologico-filosofici, qui indicati per sommi capi, attendono di essere ripresi a tutto campo, nell’ottica complessiva dell’opus rosminiano.

"PENSARE ASSOLUTO" TRA TOMMASO D'AQUINO E ANTONIO ROSMINI

ROSMINIANA, 25-02-2014
Dialogo tra il Prof. Giuseppe Barzaghi e il Prof. Markus Krienke - VIII Cenacolo Filosofico – Gazzada (Va) 9 novembre 2013
Il “pensare assoluto” è l’esigenza speculativa che deriva dall’intuizione centrale del pensiero di Tommaso d’Aquino, ossia l’actus essendi che oltrepassa la dimensione concettuale dell’intelletto. Nell’idea dell’essere di Rosmini si apre una nuova possibilità metafisica non esaurita da Hegel o Gentile. La stessa interpretazione tommasiana la troviamo negli scritti di Giuseppe Barzaghi che risponde ad alcune questioni sistematiche rivoltegli a partire dal pensiero rosminiano.

LA TEOSOFIA DI ROSMINI TRA METAFISICA ED ANAGOGIA

ROSMINIANA, 17-01-2014
Il pensiero assoluto dell’essere – VIII Cenacolo Filosofico – Villa Cagnola Gazzada (Va) 9 novembre 2013
La Teosofia come “teoria dell’essere in tutta l’ampiezza della sua possibilità” è pensiero assoluto dell’essere. Il programma rosminiano consiste nel recuperare l’actus essendi di Tommaso d’Aquino in una prospettiva speculativa, confutando l’identificazione hegeliana di essere e nulla. La stessa esigenza parmenideana anima la lettura angogica di Tommaso d’Aquino che svolge Giuseppe Barzaghi. L’VIII Cenacolo Filosofico interroga pertanto il pensiero di quest’ultimo per portare avanti la riflessione sull’altra metafisica del Roveretano.
ENTE DI RICERCA
riconosciuto dal MIUR
con data 01/09/2016
Re: #10309268
Curricula studiorum dei
Docenti e dei Relatori.
Registrati alla newsletter potrai ricevere le news relative alle aree tematiche di tuo interesse.