Ti trovi in: ROSMINIANA / Studi rosminiani

LIBERTÀ E BELLEZZA. MODULAZIONI DI UNA TEODICEA ESTETICA DA LEIBNIZ A SCHELLING E ROSMINI

ROSMINIANA, 14-03-2018
VIDEOCONVEGNO: “La libertà di Dio. Sulla Teodicea di Rosmini” (Relazione del Prof. Markus Krienke)
Rosmini utilizza nella Teodicea spesso concetti estetici per dar espressione al suo tentativo di spiegare la ragione del male nonostante il presupposto della bontà divina. Questo motivo lo condivide con Schelling e si articola da un lato nel ragionamento metafisico che la realizzazione di una pluralità di enti deve necessariamente formare un ordine gerarchico di perfezione e che nell'armonia di tale ordine si esprime la bellezza.

AFFERMAZIONI SIGNIFICATIVE SULLA PROVVIDENZA IN ALCUNE LETTERE GIOVANILI DI ANTONIO ROSMINI

ROSMINIANA, 24-02-2018
VIDEOCONVEGNO: “La libertà di Dio. Sulla Teodicea di Rosmini” (Relazione della Dr.ssa Stefania Zanardi)
Provvidenza e Teodicea: un legame fondamentale nel pensiero rosminiano. Già nelle lettere giovanili, del periodo della scuola liceale con Pietro Orsi, Antonio Rosmini inizia a scrivere agli amici in termini di forte adesione ad una visione della Provvidenza che rivela un maturazione notevole nelle problematiche poi affrontate negli scritti di “teodicea”.

STAAT UND ZIVILGESELLSCHAFT BEI ANTONIO ROSMINI

ROSMINIANA, 14-01-2018
Videokurs gehalten von Prof. Markus Krienke
Dieser Videokurs führt in die rechts- und staatsphilosophischen Grundkategorien Antonio Rosminis ein: Gerade mit den Begriffen „Soziale Gerechtigkeit“ und „Zivilgesellschaft“ hat der italienische Liberalkatholik des 19. Jahrhunderts (1797-1855) entscheidend auf die Prägung dieser beiden Konzepte eingewirkt. Einige Gedanken zur Aktualität des rosminischen Rechtspersonalismus runden diesen Einblick in ein bedeutendes Kapitel des italienischen politischen Denkens des 19. Jahrhunderts ab.

ASPETTI ETICO-POLITICI DELLA TEODICEA ROSMINIANA

ROSMINIANA, 14-01-2018
VIDEOCONVEGNO: “La libertà di Dio. Sulla Teodicea di Rosmini” (Relazione del Prof. Gian Luca Sanna)
Il rapporto tra la teodicea e gli aspetti politici e sociali che emergono dalla riflessione rosminiana. È questo il contenuto della relazione che intende indagare una teodicea che risente della tradizione settecentesca per proiettarsi negli aspetti pratici etico-sociali ed etico-politici. Il presupposto di indagine è ritrovabile nella biografia di Rosmini che già nei suoi studi giovanili si occupò del problema della storicità della libertà, quindi del problema del male nell'ambito politico.

SUPERARE LA PERSONA PER SALVARE L’UOMO?

ROSMINIANA, 22-11-2017
Riscoprire la trascendenza nel presente (Videocorso tenuto dal Prof. Markus Krienke)
Tre sono le istanze dell’attuale pensiero “post-umanista”, prese in considerazione, con i loro programmi di superare le presunte insufficienze nel concetto di “persona” verso un pensiero “impersonale” o “tecnologico-perfettivo”, interpretandoli come attuazioni di un riduttivismo della domanda storico-ermeneutica di senso. Al contrario, le dimensioni dell’impersonale e del perfezionamento del desiderio per San Tommaso erano espressive per il rimando dell’antropologia alla teologia

IL LIBERO COSTITUIRSI DELL’INDIVIDUO NELLA STORIA

ROSMINIANA, 21-11-2017
VIDEOCONVEGNO: “La libertà di Dio. Sulla Teodicea di Rosmini” (Relazione del Dr. Vincenzo Parisi)
La dialettica tra la persona individuale da un lato e la persona collettiva dall'altro, ovvero tra quello che Rosmini definisce il diritto umano sussistente e la salus publica, il bene comune della società. Questo significa mettere al centro del discorso il libero sviluppo dell’individuo nella comunità e dunque nella storia, la quale è per il roveretano l’attuazione dei diritti della persona e non la loro origine.

LIBERALISMI CRISTIANI

ROSMINIANA, 05-10-2017
Rosmini e Röpke a confronto (Videocorso tenuto dal Prof. Markus Krienke)
L’idea di paragonare le idee di economia in Rosmini e Röpke è tanto scontata quanto problematica. In questo videocorso, registrato in occasione del 50° della morte dell’economista tedesco, si affronta come Rosmini può essere letto come un precursore dell’idea di Economia sociale di mercato, pur formulandola in un contesto storico, culturale e religioso molto diverso e rifacendosi a tradizioni di pensiero differenti rispetto ai “padri” dell’Economia sociale di mercato e specialmente Wilhelm Röpke.

IL RADICAMENTO ONTOLOGICO METAFISICO DELLA TEODICEA ROSMINIANA

ROSMINIANA, 14-09-2017
VIDEOCONVEGNO: “La libertà di Dio. Sulla Teodicea di Rosmini” (Relazione del Prof. Alberto Peratoner)
Nel misurarsi con la questione della natura e dell’origine del male, la Teodicea rosminiana fonda le proprie risposte e soluzioni nell'ontologia triadica delle forme dell’essere. Il contributo si prefigge di indagare l’assetto teoretico della proposta rosminiana alla luce del valore sintetico della forma morale dell’essere quale rivisitazione del trascendentale Bonum: ne risulta una concezione del male come neppure difetto strutturale della finitezza, ma possibilità intrinsecamente legata alla limitatezza della condizione creaturale.

LA LIBERTÀ DI DIO COME PRESUPPOSTO NECESSARIO PER LA POSSIBILITÀ DI UNA STORIA UMANA

ROSMINIANA, 12-08-2017
VIDEOCONVEGNO: “La libertà di Dio. Sulla Teodicea di Rosmini” (Relazione del Prof. Markus Krienke)
Segnata dalla fine del progetto di una “filosofia della storia” e arresosi davanti all’incombere del male nella storia del XX secolo, la filosofia contemporanea fa fatica a realizzare ciò di cui la Teodicea di Antonio Rosmini è forse l’ultima testimonianza: conciliare il dilemma tra la spiegazione razionale del male, che renderebbe superflua l’affermazione dell’esistenza di Dio e la sua origine inspiegabile e misteriosa. E’ questo il tema della libertà di Dio come unico topos dove comprendere la radicalità della libertà umana nella scelta tra bene e male. Radicalità che si comprende soltanto laddove si supera un’interpretazione del male come semplice privatio boni.

LA LIBERTA’ DI DIO E IL PROBLEMA DEL MALE

ROSMINIANA, 14-06-2017
VIDEOCONVEGNO: “La libertà di Dio. Sulla Teodicea di Rosmini” (Relazione del Prof. Biagio Muscherà)
Nel balbettio di un linguaggio che stenta a precisarsi, emerge la questione del paradosso fra l’onnipotenza di Dio e la Sua bontà, della loro apparente inconciliabilità. Su questo terreno la questione della libertà di Dio e del problema del male in Antonio Rosmini viene messo in relazione con le suggestioni che provengono da diverse tradizioni di pensiero, da quella che potremmo da una parte far risalire a Böhme, e da Böhme a Luigi Pareyson attraverso Schelling, dall’altra con il pensiero tragico di Nietzsche e di Dostoevskij.
ENTE DI RICERCA
riconosciuto dal MIUR
con data 01/09/2016
Re: #10309268
Curricula studiorum dei
Docenti e dei Relatori.
Registrati alla newsletter potrai ricevere le news relative alle aree tematiche di tuo interesse.