Ti trovi in: ROSMINIANA / News / Studi

LA NUOVA ATTUALITÀ DEL “DIRITTO NATURALE”

ROSMINIANA, 26-06-2009
La personalizzazione del diritto naturale (Saggio del Prof. M. Krienke)
In occasione della recente pubblicazione del documento della Commissione Teologica Internazionale, Alla ricerca di un’etica universale: Nuovo sguardo sulla Legge naturale, e alla vigilia della nuova enciclica sociale di Papa Benedetto XVI, il presente contributo s’interroga sul contributo che un’interpretazione critico-attuale del “diritto naturale” può fornire al discorso interdisciplinare tra giurisprudenza, filosofia e teologia sui fondamenti e presupposti dello Stato e di un possibile ethos dei diritti umani.

AUGUSTO DEL NOCE: INEDITO.

ROSMINIANA, 14-01-2009
"Rosmini e la categoria filosofico-politica di Risorgimento"
Il testo di A. Del Noce, “Rosmini e la categoria filosofico-politica di Risorgimento”, che qui pubblichiamo per la prima volta (scaricabile in formato PDF), a cura del Dr. Giulio Nocerino, è la trascrizione del dattiloscritto, arricchito da numerosi brani e note autografi, della lezione che il filosofo torinese tenne a Stresa, in occasione del XVII Corso della “Cattedra Rosmini” (24-28 agosto 1983), rimasta finora inedita. Questa pubblicazione consegna agli studiosi e ai lettori un documento importante sia per la conoscenza e l’interpretazione dell’opera di Rosmini sia per la comprensione del pensiero delnociano, in cui si incontrano l’idea di una ricostruzione metafisica della filosofia e il progetto etico-politico di un Risorgimento inteso come ripresa e rinnovamento della tradizione, al fine di raccogliere la sfida del nichilismo.
Ne discutono in un’intervista il Prof. Markus Krienke e il Dr. Giulio Nocerino.

LA FILOSOFIA DI FRONTE ALLA DISSOLUZIONE.

ROSMINIANA, 24-11-2008
Il suicidio della rivoluzione nel pensiero di Augusto Del Noce.[Presentazione audio scaricabile]
Il pensiero di Del Noce, soprattutto nella formulazione che riceve in Il suicidio della rivoluzione, costituisce un'analisi senza sconti delle radici della crisi del mondo contemporaneo e della sua cultura. Esso tematizza la dissoluzione del mondo, cioè l'esplosione della crisi della cultura classica e della società tradizionale cristiana, senza escludere l'ipotesi negativa radicale del prevalere ultimo del nichilismo e della scomparsa morale o fisica del mondo umano. Questa crisi è, nello stesso tempo, storica e filosofica. Le sue radici vanno ricercate nel carattere immanentistico della linea egemone della filosofia moderna, da Cartesio a Hegel, i cui esiti ateistici e nichilistici diventano evidenti nel realizzarsi storico del marxismo, coincidente con la sua sconfitta in Occidente ad opera della società opulenta e permissiva, e negli esiti paradossali dell'attualismo gentiliano.
(Saggio di Giulio Nocerino già edito in "Rivista di Filosofia Neo-scolastica", XCIX, Gennaio-Marzo 2007, pp. 65-86)

UN NUOVO METODO DI STUDIO.

ROSMINIANA, 20-06-2008
Rosmini nella società contemporanea
L'area dedicata a Rosmini analizza il suo pensiero secondo un nuovo metodo: ossia quello di "far risuonare la voce di Rosmini oggi". Questo metodo non è quello classico, cioè non intende suddividere i vari ambiti del pensiero rosminiano, tematizzandoli separatamente. Lo scopo del nuovo metodo è di superare la visione parziale di un "Rosmini politico", un "Rosmini giurista", un "Rosmini metafisico" ecc., mettendo in luce la Denkform rosminiana che permea tutti questi ambiti e conferisce loro quel carattere di visione unica, globale che caratterizza il pensiero rosminiano.

LA "QUARTA FASE" DELLA WIRKUNGSGESCHICHTE "ROSMINI E LA FILOSOFIA TEDESCA" OSSIA: L' "ALTRA METAFISICA".

ROSMINIANA, 20-06-2008
La Wirkungsgeschichte “Rosmini e la filosofia tedesca” si può suddividere, dal Rosmini vivente fino ad oggi, in tre fasi. Molti motivi indicano che ormai ci troviamo all’inizio di una nuova, quarta fase.

ROSMINI: UNA LETZTBEGRÜNDUNG NON ELENCTICA.

ROSMINIANA, 20-06-2008
Metafisica ed epistemologia nel discorso della Spätmoderne
L'articolo intende interpretare il confronto di Rosmini con Hegel secondo i criteri della "quarta fase". Insieme ad Hegel il Roveretano accetta il programma moderno di Kant: qualsiasi pretesa di fondazione ontologica deve trovare la sua giustificazione critica. Inoltre, entrambi cercano di evitare il criticismo e di riguadagnare l'oggettività. Dopo Kant, non è possibile ripercorrere la via aristotelica dell'elenchos, basata sul principio di non contraddizione. Mentre Hegel porta all'estremo l'opzione kantiana di declinare la metafisica nei termini della logica superando la contraddizione nella "Aufhebung", Rosmini cerca la soluzione ontologica scoprendola nell' "ontologia trinitaria" e compiendo metafisicamente il suo progetto di "filosofia cristiana".

LA “LIBERTÀ DEL FILOSOFARE”.

ROSMINIANA, 20-06-2008
Considerazioni epistemologiche sulla “Parte seconda” di Degli studi dell’Autore
Nel secondo capitolo di Degli studi dell’Autore Rosmini, attraverso l’analisi profonda del duplice metodo della sua filosofia – “libertà del filosofare” e “conciliazione delle sentenze” – svolge l’argomento della legittimità della filosofia cristiana all’interno del discorso epistemologico attuale.
ENTE DI RICERCA
riconosciuto dal MIUR
con data 01/09/2016
Re: #10309268
Curricula studiorum dei
Docenti e dei Relatori.
Registrati alla newsletter potrai ricevere le news relative alle aree tematiche di tuo interesse.